Accedi al sito
Serve aiuto?

Carotaggi & Perforazioni

NEWS Servizi di : TECNICHE DIAGNOSTICHE SULLA MURATURA
 
Carotaggi
 
Il carotaggio consiste nell'estrazione dalle strutture di campioni cilindrici tramite carotatrici. Sui provini da questi ricavati si eseguono in laboratorio le prove per la determinazione di massa volumica, prove meccaniche, di permeabilità, di gelività, ecc.
L'esecuzione del sondaggio per murature di laterizio o pietra si può fare riferimento a prescrizioni della norma UNI 6131 anche se questa è specifica per strutture in calcestruzzo.
Secondo la norma la profondità e la dimensione del carotaggio vengono stabilite in relazione allo spessore degli elementi da indagare ed agli scopi dell’indagine. Inoltre il criterio comune da seguire durante i prelevamenti deve essere la riduzione al minimo del danneggiamento provocato dall'estrazione sul campione.
L'estrazione di carote avviene mediante una carotatrice costituita da un tubo di acciaio,detto carotiere, alla cui estremità è posta una corona tagliente, detta corona diamantata.
Il carotiere viene connesso ad un albero collegato a sua volta ad un motore. Ogni corona si identifica con un diametro esterno che corrisponde al foro di perforazione, ed un diametro interno che corrisponde alla carota che si preleva.
Nel movimento di avanzamento la sonda deve essere esente da vibrazioni, per assicurare che il diametro della carota sia costante ed il suo asse rettilineo. La sonda pertanto deve essere rigida e correttamente ancorata.
La corona deve avere diametro leggermente superiore a quello del tubo in modo che quest'ultimo possa entrare nel foro senza incontrare ostacoli.
La lunghezza di taglio standard sono entro i 400-500 mm; con l’applicazione di apposite prolunghe, si possono raggiungere profondità elevate, diverse a seconda del materiale da perforare e del diametro del foro.

Nella lavorazione dei campioni occorre scartare dagli stessi parti eventualmente danneggiate dalle operazioni di estrazione.La prova consente altresì di esaminare la stratigrafia e le condizioni della muratura interna dall'esame della carota o con endoscopie
 
L'avanzamento è inversamente proporzionale alla velocità angolare del carotiere, in quanto maggiore è la resistenza che viene ad incontrare il carotiere, minore sarà la velocità di rotazione. L'avanzamento deve essere lento per recare il minore disturbo alla carota che deve essere estratta.
Il calore che viene sviluppato durante l'operazione recherebbe danno alla corona e per evitare questo inconveniente va continuamente raffreddata con getto di acqua. Il getto d'acqua ha anche lo scopo di lubrificare le superfici di contatto fra il tubo di carotaggio e muratura in modo da evitare attrito fra i due materiali e il possibile trasferimento di momento torcente alla carota.
Prima dell'estrazione è necessario provocare la rottura della parte finale della carota che è ancora solidale alla muratura, attraverso ripetuti movimenti del carotiere in direzione trasversale nel piccolo spazio che si è creato fra di esso e la muratura.
All'atto del prelievo ogni campione deve essere identificato chiaramente, annotando il punto specifico di prelievo e la tessitura della muratura, possibilmente con l'aiuto di uno schizzo della struttura.

 
Specifiche Carotaggi
Carotatrice Compatta GS